strumenti per fare la ricerca delle parole chiave

√49 strumenti alternativi a Google Keywords Planner

Pubblicato su 29 gennaio, 2015 da Manuel Ricci in Tools

Ultimamente sono presissimo con dei posizionamenti sui motori di ricerca e alcune campagne pubblicitarie online. Può capitare a volte che Google Keywords Planner stia un po’ stretto. O per insoddisfazione dei risultati suggeriti o perché si vuole semplicemente di più, si ha la necessità di ampliare ulteriormente il proprio elenco di parole chiave.

Nel tempo mi sono creato una lista di tools da utilizzare in questi casi. Il risultato che ottengo, grazie a questi strumenti, è una lista di keywords polposa e completa.

Nell’articolo di oggi voglio condividere con te i sette “tool” (lo metto tra virgolette perché non tutti sono veri e propri tool ndr) di punta che utilizzo durante le mie attività di keywords research.

Google Trends

Il primo tool che ti voglio suggerire è ancora made in Google. Uno strumento che più di una volta, non solo mi ha aiutato a capire l’efficacia di una variante di keyword rispetto ad un’altra, ma mi ha permesso di prevedere dei trend abbastanza importanti.

Unica limitazione, si possono confrontare solamente cinque keyword per volta.

Google Trends è disponibile all’indirizzo google.com/trends

Google Web Master Tool

Tempo fa in una community su Google Plus (che tu ci creda o no, c’è gente e ti consiglio di seguirmi) si discuteva sul fatto che non bisogna mai partire da zero con la keywords research se si hanno già dei dati a disposizione.

Google Web Master Tool è lo strumento ideale per ottenere quei dati, sulla quale sviluppare la propria lista di keywords.

Per scoprire le parole chiave con la quale il tuo sito viene trovato ti basterà andare su Google Web Master Tool cliccare nella barra laterale sinistra la voce “Traffico di ricerca” > “Query di ricerca”.

L’elenco di parole chiave può essere ordinato in svariati modi (CTR, clic, impressioni, ecc.). Scremare quell’elenco può essere utile per trovare degli spunti interessanti sulla quale sviluppare la propria campagna o strategia SEO.

Bing Keywords Research

Ammetto, che controllo di rado i posizionamenti su Bing e ho seguito solo un paio di campagne pubblicitarie, di conseguenza non uso quasi mai gli strumenti legati a questo motore di ricerca.

Per quel poco che può essere la mia esperienza sul motore di ricerca di Redmond, questo è lo strumento ideale se fai campagne pubblicitarie o ottimizzazioni specifiche. Simile in alcuni aspetti al keyword planner di Google, non sarà difficile prendere confidenza.

Se hai due minuti da perdere, dai un’occhiata alle keywords che genera Bing Keywords Research inserendo nell’elenco di parole chiave “motori di ricerca”, penso che colui che cerca “gugol motore di ricerca” debba vincere l’internet per un’intera settimana.

Bing Keyword Research

Gugol, famoso motore di ricerca

Social Mention

Ultimo arrivato tra i miei ranghi, si è guadagnato la mia stima grazie ai suoi risultati. Con una ricerca ti trova un universo di cose.

Inserendo nella form di ricerca una keyword ad esempio “expo2015” vedrai apparire una sfilza di dati utili per determinare l’efficacia di una parola chiave. Tra i vari dati forniti da Social Mentions troviamo:

  • Sentiment
  • Top Keywords (tendenzialmente correlate)
  • Top Hashtag

Degno di nota è anche il dato relativo al reach di una parola chiave sui social network, sempre utile in caso di condivisione della pagina ottimizzata (es. articolo blog o pagina di approfondimento).

I correlati

Non hai tempo di cercare delle keyword con gli strumenti elencati qui sopra? Per trovare delle varianti ti basterà fare una ricerca su Google e scorrere fino in fondo troverai le parole chiave correlate. Non c’è modo più veloce e sicuro per recuperare delle ottime keyword.

Le persone

Armati di blocco note o di tablet se vuoi fare il ganassa(sbruffone in milanese ndr) e chiedi ai tuoi parenti, ai tuoi amici, alla tua morosa e al tuo cliente cosa cercherebbe su google per trovare ciò che tu stai cercando di ottimizzare.

Il 90% delle volte saranno sempre termini ultra-generici o verrà ripresa la parte finale della tua domanda. Spiega ai simpaticoni la differenza tra una keyword generica e una un pochino più specifica e il gioco è fatto.

Premium: Market Samurai

Me lo regalarono i miei genitori per il mio 19 compleanno è uno strumento potentissimo, si basa sui dati generati da Google Keyword Planner, ma in alcune sue funzioni ha una marcia in più rispetto a tutti. Se vuoi spendere un po’ di soldini nella tua attività io ti consiglio Market Samurai.

Conosci altri tools da inserire in questa lista? Reputi più importanti altri strumenti rispetto a quelli indicati da me? Parliamone.

Photo Credit arbyreed