Il vasto universo della SEO non conosce limiti, ogni giorno bisogna combattere contro link, keyword, contenuti, errori, sitemap e chi più ne ha più ne metta, ma in tutti gli anni che ho alle spalle di apprendimento sono venuto da poco a conoscenza di una tecnica per portare al proprio sito dei link di qualità, come? Molto semplice facendo resuscitare i morti!

Wikipedia e i collegamenti interrotti

Wikipedia vive grazie ad una community che alimenta le pagine dell’enciclopedia con testi precisi su determinati argomenti, come da regolamento però, ogni fonte che non sia “farina del proprio sacco” deve essere legata ad una fonte.

Le fonti però non sempre sono funzionanti, quando la pagina in questione viene cancellata o per qualche motivi non è raggiungibile il link alla fonte viene reciso o meglio interrotto. Nella versione inglese i collegamenti interrotti vengono chiamati dead link, da qui il titolo dell’articolo.

Ma a cosa servono alla SEO questi link?

Sfruttare i dead link

I collegamenti interrotti non vengono eliminati, vengono segnalati da wikipedia e lasciati nella lista nel caso la pagina venisse ripristinata, questo ti da una traccia sulla quale lavorare per creare un contenuto degno di nota.

Per mostrarti come usare i dead link a tuo favore, ti farò un esempio pratico:

per prima cosa devi andare su Google ed inserire una query avanzata che possa aiutarti ad individuare subito la pagina di wikipedia che ci può interessare, la query in questione è la seguente:

Facendo un esempio più concreto, mettiamo caso che io gestisca un sito che come argomento tratta il calcio e voglio scrivere degli articoli su alcune squadre della serie A, incomincio con la squadra S.S. Lazio, nella speranza che Google mi dia come risultato ciò che cerco.

risultati di ricerca

Come si può osservare, dall’immagine sopra sono stato fortunato e cercando Lazio, come primo risultato ho proprio la pagina della squadra di calcio e dalla description noto che c’è un collegamento interrotto, quindi clicco e proseguo verso il prossimo step, che consiste nell’individuare i dead link all’interno della pagina.

collegamenti interrotti wikipedia

Una volta che la pagina è stata completamente caricata, se state usando Google Chrome usate la combinazione di tasti CTRL+F per effettuare una ricerca all’interno della pagina (penso che come shortcut valga per tutti i browser). Ciò che dobbiamo cercare è collegamento interrotto, nel mio caso ho ben 11 risultati, adesso mi basterà individuare il tipo di argomento che trattava l’articolo legato alla fonte interrotta e creare a mia volta un contenuto sufficientemente originale da poter sostituire la fonte e guadagnare così non solo un contenuto di qualità, ma anche un link di qualità, proveniente da wikipedia.

UPDATE: il link di wikipedia è nofollow

Come segnalato giustamente nei commenti da Alessandro Romano, i link provenienti da wikipedia sono nofollow, quindi l’utilità è davvero limitata, qui interviene uno strumento molto utile realizzato dal team di MOZ, si tratta del site explorer & backlink checker, basterà incollare il collegamento interrotto nel box di ricerca del tool e magicamente potrai osservare quali siti linkano alla stessa risorse che non esiste più.

Se il sito gode di una autorevolezza abbastanza elevata, sarà nostro compito contattare l’amministratore del sito e chiedere di sostituire il link in questione, linkando al tuo nuovo articolo.

Il tool di MOZ segnala inoltre quali link sono nofollow, per cui ti basterà escluderli dalla ricerca e concentrarti su altri link.

Conclusioni

Avevi mai usato questa tecnica? Raccontamelo nei commenti qui sotto…

  • Alessandro Romano

    Scusami, ma comunque saranno collegamenti con il nofollow …. quindi a cosa ti servono …

    • Manuel Ricci

      Ciao @disqus_dE7FB0HaRs:disqus hai perfettamente ragione, ma in alcuni casi alle fonti di wikipedia linkano anche altri siti. Utilizzando il link del collegamento interrotto tramite gli appositi strumenti si può controllare quali altri siti hanno linkato a quella risorsa e se nel caso l’autorevolezza del sito è sufficientemente buona si può provvedere alla segnalazione e al cambiamento del link anche sugli altri siti web.

      La SEO purtroppo non è mai troppo semplice!

      Effettuo un rapido update dell’articolo 😉
      Grazie mille